Parrocchia dei Santi Giovanni Battista e Gemma Galgani

NOTA! Questo sito utilizza i cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente li accetta. Per saperne di piu'

Approvo
Informativa sui cookie

I cookie sono file di testo di dimensioni ridotte che i siti visitati dagli utenti inviano ai loro dispositivi, in cui vengono memorizzate informazioni per essere trasmessi nuovamente agli stessi siti in occasione di visite successive o per passare informazioni 
I cookie possono essere memorizzati in modo permanente (cookie persistenti) sul tuo dispositivo o avere un durata variabile; possono infatti cancellarsi con la chiusura del browser o avere una durata limitata alla singola sessione (cookie di sessione).
I cookie possono essere installati dal sito visitato (cookie di prima parte) o da altri siti web (cookie di terze parti).
I cookie possono essere di 3 tipi:

  • cookie tecnici: servono per fruire di funzionalità particolari (es. modulo di contatto) oppure per memorizzare personalizzazioni o scelte fatte dall'utente. Non registrano dati personali. Possono essere cookie di prima e/o terze parti.
  • cookie analitici: raccolgono dati per elaborare statistiche l'utilizzo del sito. In genere i dati sono raccolti in maniera aggregata e quindi anonima, in caso contrario possono registrare dati personali. Possono essere cookie di prima e/o terze parti.
  • cookie di profilazione: registrano l'attività di navigazione eseguita dall'utente su internet per fornire contenuti ed offerte commerciali in linea con i propri interessi. Possono raccogliere dati personali. Sono cookie di terze parti.

Quali cookie utilizziamo:

  • Cookie tecnici di prima parte, per i quali non è necessario fornire alcun consenso.
  • chiescattolica.it : cookie tecnici per la visualizzazione dell'almanacco liturgico da loro fornito (terza colonna). Visitate il loro sito per maggiori informazioni.
Questo sito NON utilizza cookie di profilazione.
Nel caso vogliate bloccare comunque i cookie dovete modificare le impostazioni del vostro browser.

L’Eucaristia ci rende famiglia e lievito di fraternità - Terza Tappa

L’Eucaristia ci rende famiglia e lievito di fraternità

     Terza Tappa del Congresso Eucaristico Diocesano


Riti di inizio

CONVOCATI DAL SIGNORE E ACCOGLIENTI GLI UNI VERSO GLI ALTRI

Il primo atto liturgico della celebrazione cristiana è il “radunarsi” insieme, il costituirsi dell’assemblea. La processione iniziale dei ministri esprime e realizza la singolarità di questa riunione. Essa, infatti, non è assimilabile a un normale incontro o a una aggregazione umana, perché è opera del Signore Risorto. 

 

L’assemblea eucaristica domenicale, infatti, è aperta a tutti coloro che credono in Cristo Gesù, qualunque sia la razza, la nazionalità, la classe sociale, la cultura, il sesso, l’età, la professione, il temperamento, il passato, senza discriminazione e senza distinzione di persone: «Noi tutti siamo stati battezzati mediante un solo Spirito in un solo corpo, Giudei o Greci, schiavi o liberi; e tutti siamo stati dissetati da un solo Spirito » (1 Cor 12,13). 

Per manifestare l’universalità della Chiesa la celebrazione eucaristica domenicale deve fare in modo che le persone che si riuniscono non siano estranee le une alle altre, che il forestiero e il fratello di passaggio vi siano accolti fraternamente e i poveri si trovino a loro agio, vigilando sulla tendenza a ripiegarsi su di sé e a chiudersi fra frequentatori del medesimo ceto sociale o della stessa provenienza e facendo crescere la disponibilità a convergere verso un’unica celebrazione eucaristica domenicale.

Per una verifica

- Quali sono i gesti per favorire la partecipazione all’Eucaristia domenicale ed esprimere l’accoglienza reciproca (pensiamo in particolare ad anziani, persone con disabilità, poveri, stranieri)? Che cosa può invece ostacolare partecipazione e accoglienza?

 - Come far sì che la celebrazione eucaristica domenicale sia a misura di famiglia?

 - Come favorire la convocazione in un’unica Eucaristia domenicale nelle comunità sparse in un territorio comprendente più parrocchie …?

Condividi

FacebookTwitterGoogle Bookmarks

Almanacco