La parrocchia festeggia 50 anni

Categoria: Notizie
Pubblicato Giovedì, 27 Dicembre 2012 21:38
Visite: 1166

Durante l'anno che si sta chiudendo, la parrocchia ha celebrato il suo 50° anno di fondazione.

... ma in realtà la parrocchia è nata molto tempo prima: basti pensare che nella divisione del contado bolognese, che avvenne nel 1223, Medola è già ricordata ed era eretta in Parrocchia, e nell'anno 1249 aveva 47 famiglie.

La chiesa di Casteldebole, poi, è stata inaugurata la notte di Natale del  1967 … quindi?

 

Il 2 aprile 1962 con un decreto di S.E. Card. Giacomo Lercaro sono state unite l'antica sede parrocchiale di Medola al nuovo centro di Casteldebole. Da quel giorno le due chiese "rispondono" in un unico nome a tutti i nostri patroni: Santi Giovanni Battista e Gemma Galgani.

Anche se l'unificazione delle due chiese è stata un atto formale, di fatto ha sancito l'unione territoriale di famiglie e persone già unite spiritualmente sotto la guida di un unico pastore.

Ad ottobre si sono concluse le manifestazioni e celebrazioni che sono state "messe in campo" per ricordare ciò che accadde 50 anni fa, ma anche per tenere presente il nostro senso di appartenenza alla nostra parrocchia, alla nostra comunità.

Ricordiamo alcuni degli avvenimenti che si sono succeduti per festeggiare il 50°:

-   domenica 1 aprile inizio dei festeggiamenti con la processione delle Palme e Messa presieduta dal Card. Carlo Caffarra e con la partecipazione di S.E. Mons. Bruno Musarò, nunzio apostolico a Cuba;

-   domenica 22 aprile Messa con le coppie che festeggiano nell’anno anniversari significativi di Matrimonio;

-   la prima settimana di maggio le S. Messe sono state presiedute dai sacerdoti che hanno svolto il loro ministero pastorale nella nostra parrocchia e Quarantore di Adorazione Eucaristica;

-   al termine della settimana, celebrazione della S. Messa radiotrasmessa da Radio Maria, per raggiungere le persone malate e anziane impossibilitate a partecipare di persona; poi concerto di campane e caccia al tesoro per i bambini e giovani;

-   domenica 13 maggio è stata celebrata un'unica Messa, a cui è seguita l'adorazione eucaristica. Purtroppo il tempo non ha permesso di fare la processione con il Santissimo nel quartiere, perché tutti potessero vedere il segno tangibile dell'amore di Dio per noi. Nel pomeriggio festa nei cortili della parrocchia;

-   il 19 maggio i ragazzi ci hanno dilettato con una simpatica rappresentazione dal titolo "Shrek";

-  il 9 giugno è stato organizzato uno spettacolo, insieme alle associazioni del quartiere, scritto appositamente per il 50°, dal titolo "Oh, che bel Castello!";

- il 29 settembre abbiamo accolto a Casteldebole l'immagine della Madonna del Rosario custodita nella chiesa di Medola. Prima di "ritornare" a Medola, l'immagine è stata portata a Villa Ranuzzi e lì  è stata celebrata la S. Messa con gli ospiti, con la possibilità di ricevere l'Unzione degli Infermi;

-   dall'1 al 5 ottobre Esercizi Spirituali, guidati da p. Marino Moro, suor Elena Zanardi e altri due confratelli domenicani;

-   il 4 ottobre durante la S. Messa, celebrazione del sacramento dell'Unzione degli Infermi;

-   il 7 ottobre processione con la venerata immagine della Madonna del Rosario per le vie di Casteldebole fino a Medola e concerto pomeridiano del "Coro Leone";

-  il 25 ottobre la sala sopra l’oratorio è stata dedicata al fondatore e primo parroco della nostra parrocchia  don Evaristo Stefanelli, nel secondo anniversario della morte, con inaugurazione delle attrezzature audio e video;

-   il 27 ottobre replica dello spettacolo "Oh, che bel Castello!"

E' stato bello poter celebrare questo 50° anno in concomitanza con l'Anno della Fede. Le varie iniziative per il 50° ci hanno dato occasione di incontrarci, confrontarci, ricordare, immergerci in momenti privilegiati di riflessione e condivisione, di approfondimento e di ricerca. Che questo momento "forte" della nostra parrocchia possa essere fonte di ritrovata energia e nuove opportunità.